Questo sito contribuisce alla audience di

Grimaldi, Francésco Marìa

fisico (Bologna 1618-1663). Gesuita, insegnò a Bologna. Osservò la superficie della Luna e nel 1651, con G. B. Riccioli, delineò una mappa delle principali formazioni lunari per le quali adottò i nomi, successivamente confermati da J. Hevelius, di analoghe particolarità geografiche terrestri. Nell'opera Physico-mathesis de lumine, coloribus et iride, pubblicata postuma nel 1665, descrisse la diffrazione e l'interferenza della luce, fenomeni che gli fecero intuire il carattere ondulatorio delle radiazioni luminose.