Questo sito contribuisce alla audience di

Grimmelshausen, Hans Jakob von-

scrittore tedesco (Gelnhausen, Assia,1622-Renchen, Baden, 1676). Combatté nella guerra dei Trent'anni nelle file imperiali, poi con gli Svedesi. Convertitosi al cattolicesimo, assunse dopo la guerra varie cariche e nel 1667 si stabilì a Renchen come luogotenente vescovile. È il più grande prosatore dell'età barocca in Germania e fra i più originali della letteratura tedesca. Sotto svariati pseudonimi scrisse romanzi e racconti, tra cui Der abenteuerliche Simplicius Simplicissimus (1669; L'avventuroso Simplicio Simplicissimo), che può considerarsi tanto un romanzo picaresco d'ascendenza spagnola quanto un Bildungsroman ante litteram. Il Simplicissimus non è infatti solo la storia esterna delle avventure interminabili di un soldato durante la guerra dei Trent'anni, ma anche la storia interiore di un uomo spinto alla redenzione, alla ricerca dell'Immutabile e dell'Eterno, attraverso gli eccessi e le miserie, le illusioni e gli inganni del mondo terreno. La vena narrativa spregiudicata e vitalistica di Grimmelshausen, sostenuta da una grande apertura umana, si cala in una rappresentazione esuberante, ricca di evidenza concreta e straordinariamente barocca, sia nell'interpretazione del mondo come vanitas e dell'uomo come oggetto incalzato dal Fato incostante – personificato in Baldanders (presto cambierà) –, sia nello stile vigoroso, crudamente naturalistico, e nella lingua colorita, densa di pathos. Gli scritti minori, detti simpliciani perché i protagonisti risultano in qualche modo connessi con Simplicius, sono Lebensbeschreibung der Landstörzerin Courasche (1670; Cronaca della vita dell'avventuriera Courasche), dalla cui protagonista passionale e cinica Brecht desunse il personaggio di Madre Coraggio>, Der seltsame Springinsfeld (1670; Lo straordinario Saltincampo) e Das wunderliche Vogelnest (1672-75; Il nido prodigioso), vita di un povero lanzichenecco nella depravazione morale del tempo: opere tutte di lettura attualissima. A lungo dimenticata, l'opera di Grimmelshausen fu riscoperta col romanticismo e restituita all'autore, che aveva celato il suo nome sotto vari pseudonimi, solo nel 1837.