Questo sito contribuisce alla audience di

Guamaggióre

comune in provincia di Cagliari (48 km), 199 m s.m., 16,84 km², 1082 ab. (guamaggioresi), patrono: san Sebastiano (20 gennaio).

Centro della Trexenta, situato alle pendici meridionali del monte Nuritzi. L'abitato appartenne nel Medioevo alla curatoria della Trexenta, compresa nel Giudicato di Cagliari (sec. XI), e con la spartizione dei pisani (1258) passò a questi ultimi e ai Visconti di Gallura. Dopo la conquista aragonese fu infeudato ai Besora (1421) e, nel 1497, gli spagnoli lo inclusero nella Contea di Villasor, dove rimase fino all'abolizione dei feudi (1839). La parrocchiale di San Sebastiano è una costruzione di tarda epoca neoclassica; nei dintorni sorge la quattrocentesca chiesa di San Pietro. § L'economia si basa sull'agricoltura, che produce cereali, ortaggi, olive e uva, e sull'allevamento ovino e caprino. Sono attive alcune aziende alimentari (mulini e frantoi).