Questo sito contribuisce alla audience di

Guatemala (città)

Guarda l'indice

capoluogo della provincia omonima e capitale del Guatemala, 1493 m s.m., 1.168.000 ab. (2011), l'agglomerato urbano 4.500.000 ab. (2011).

Generalità

La città è situata nella valle della Ermita, caratterizzata dal tipico e salubre clima tropicale di altura, e rappresenta, per la favorevole posizione tra i due oceani (Atlantico e Pacifico), la principale metropoli dell'America istmica, sia dal punto di vista demografico – ospita ancora un crogiolo di etnie, tra cui spicca la componente rappresentata dagli indios − sia da quello economico. Fondata nel 1776 dopo il terremoto che distrusse l'antica capitale Santiago de los Caballeros (che oggi si chiama Antigua Guatemala), a ca. 45 km più a S, è senza dubbio il più grande agglomerato urbano dell'America centrale. Guatemala appare oggi come un notevole centro culturale, sede di università, tra cui la principale è quella di San Carlos de Guatemala, fondata nel 1676 ad Antigua Guatemala e poi trasferita qui.

Urbanistica

Il nuovo centro urbano venne a inglobare alcuni villaggi fra cui La Parroquia, dove si localizzarono i primi edifici amministrativi. Per la struttura fisica del territorio, l'espansione urbana assunse ben presto direzione N-S; fra il 1879 e il 1886 vennero annessi i comuni circostanti di Jacotenango, Ciudad Vieja, Villa de Guadalupe e altri. La popolazione raggiunse i 100.000 abitanti sul finire del XIX secolo; da allora iniziò la tendenza delle classi abbienti a trasferirsi nelle zone meridionali, mentre il centro dell'area urbana veniva occupato da quartieri popolari. Il terremoto del 1917-18 sconvolse completamente la città e ne rallentò la crescita demografica (130.000 ab. nel 1921; 150.000 ab. nel 1938). A partire dal 1944, con la caduta della dittatura di Jorge Ubico, subentrarono forti spinte all'industrializzazione del Paese, soprattutto nell'area della capitale, che già nel 1950 sfiorava i 300.000 abitanti e attraversava una fase di urbanesimo assai spinto, con la conseguente formazione di agglomerati abusivi e precari, privi di ogni servizio. La pianificazione urbanistica, del tutto assente nella prima disordinata crescita dell'abitato, venne ostacolata dalla commistione fra insediamenti residenziali e industriali; il forte incremento di popolazione, nuovamente raddoppiata nel giro di un quindicennio (573.000 ab. nel 1964), coinvolse le unità municipali poste a corona di Guatemala (in particolare Mixco, a W) e costituenti il dipartimento della capitale, che venne ad assumere, così, il carattere di vera e propria area metropolitana. Guatemala fu gravemente danneggiata da un altro devastante terremoto nel 1976. Verso la fine del XX secolo ha assistito a un forte incremento dell'immigrazione (soprattutto da parte di arabi e cinesi). La città ha all'inizio del Duemila un aspetto più ordinato ed è strutturata in ventidue circoscrizioni, nella maggior parte delle quali sono presenti edifici di stile moderno che si affacciano su strade larghe e spaziose.

Arte

Fra gli edifici storici del passato, particolare importanza rivestono la cattedrale di S. Jaime (1782-1815) e le chiese della Merced e del Carmen. Fra i numerosi musei meritano di essere citati il Museo Nacional de Arqueología y Etnología (con importanti collezioni di arte precolombiana), il Museo Ixchel che raccoglie testimonianze della civiltà dei popoli dell'altopiano guatemalteco, il Museo Popol Vuh (arte maya e coloniale spagnola). Il Museo de Arte Moderno espone opere contemporanee di artisti del Paese.

Economia

Trovandosi sulla Carretera Panamericana, Guatemala è un importante nodo stradale e ferroviario, collegato con i porti di Puerto Barrios sul Mar delle Antille e di Puerto San José e Champerico sul Pacifico; nella sua economia ha quindi forte rilevanza il commercio. Vi sono inoltre ubicate industrie alimentari, del tabacco, tessili, dell'abbigliamento, calzaturiere, conciarie, del legno, meccaniche, elettrotecniche, chimico-farmaceutiche, grafico-editoriali, della carta e del cemento. È anche una base di soggiorno e transito per il turismo che interessa le zone circostanti e il Paese nel suo insieme. Ad attrarre i turisti sono soprattutto le grandi foreste pluviali e i siti archeologici. È servita dall'aeroporto internazionale La Aurora, poco a S.

Media

Guatemala (città).