Questo sito contribuisce alla audience di

Guaycurú

gruppo etnolinguistico dell'America Meridionale diffusosi dalle zone meridionali del Mato Grosso fino al Río Salado e dal Paraná alle Ande. Comprende almeno quattro sottofamiglie linguistiche: Guaycurú in senso stretto (Abiponi, Mbayá, Caduveo, Toba, Mocoví, Payaguá, Pilagá e altre), il gruppo più numeroso, stanziato nell'area tra i fiumi Bermejo e Pilcomayo fino al fiume Paraguay; Mataco-Macá (Mataco, Macá, Ashluslay, Chorotí, Emmacá, Mataguayo e altre), diffusa fra gli alti bacini del Bermejo e del Pilcomayo fino alle Ande; Mascoi, che insieme ai Lengua occupava una vasta area a nord del Pilcomayo; Lule-Vilela, le cui tribù si trovano a sud del Bermejo fino al Río Salado. I gruppi originari sono ormai in gran parte estinti; i superstiti (ca. 43.000 al censimento 1987), in maggioranza meticciati e acculturati, costituiscono minoranze locali contadine; i pochi gruppi puri (valutati intorno a 4500 individui) vivono in entità plurifamiliari esigue, oppure si sono fusi costituendo nuove tribù miste, che vivono nelle zone più impervie delle foreste a ridosso del fiume Paraguay. La loro organizzazione sociale originaria era abbastanza omogenea: grandi famiglie matrilineari che abitavano in villaggi temporanei di capanne ad alveare; economia basata sulla caccia, la raccolta e una sporadica orticoltura; credenze animistiche con elaborati riti officiati da sciamani; uso di pitture corporali, che fra i Caduveo raggiunsero effetti decorativi notevoli.