Questo sito contribuisce alla audience di

Guericke, Otto von-

fisico tedesco (Magdeburgo 1602-Amburgo 1686). Giurista, matematico e ingegnere, nel 1646 divenne borgomastro di Magdeburgo. Sospinto dalle discussioni filosofiche, allora dominanti, circa l'esistenza del vuoto si propose di indagare a fondo il problema con metodo sperimentale. Intorno al 1650 realizzò la prima pompa ad aria, di cui si servì per condurre abili esperienze: osservò che nel vuoto il suono non si propaga, le fiamme si spengono e dimostrò, con il famoso esperimento degli emisferi di Magdeburgo, compiuto a Ratisbona nel 1654, alla presenza di Ferdinando III e della Dieta imperiale, che la pressione atmosferica era in grado di mantenere aderenti due emisferi cavi, entro i quali era stato fatto il vuoto, nonostante la forza esercitata da sedici cavalli per separarli. Delle sue esperienze sul vuoto lasciò memoria nell'opera Experimenta nova (ut vocantur) magdeburgica de vacuo spatio, pubblicata nel 1672. In essa si cita anche la macchina elettrostatica a strofinio, costituita da un cilindro di zolfo rotante, che può essere considerata la prima macchina elettrica, impiegata per una serie di esperimenti sull'attrazione e repulsione elettrostatica.