Questo sito contribuisce alla audience di

Guglièlmo I (re dei Paesi Bassi)

re dei Paesi Bassi (L'Aia 1772-Berlino 1844). Figlio di Guglielmo V d'Orange, che fu governatore dei Paesi Bassi Uniti, sposò Federica Guglielmina di Prussia (1791), consolidando i rapporti con la casa Hohenzollern. Distintosi nel vano tentativo di arginare l'espansione delle armate rivoluzionarie francesi (1793), dovette rifugiarsi con la famiglia a Hampton Court, in Inghilterra. Principe d'Orange alla morte del padre (1806), Guglielmo I respinse le proposte di Napoleone seguite alla Pace di Amiens e restò fedele alla Prussia e alle forze coalizzate, battendosi a Jena e a Wagram (1809) e sbarcando infine in patria quando l'Olanda si ribellò alla dominazione francese (novembre 1813). Proclamato principe sovrano dei Paesi Bassi, divenne re, in base al Trattato di Parigi, anche del territorio meridionale (belga) nel 1814 e, l'anno dopo, granduca del Lussemburgo. Fautore di una nuova costituzione, Guglielmo I trovò l'opposizione dei sudditi belgi, di religione cattolica, che non vedevano riconosciuta la loro autonomia amministrativa e che gli si ribellarono (1830), ottenendo con la garanzia delle Potenze un regno belga indipendente (Trattato dei diciotto articoli, Londra, 1831). Guglielmo I non riconobbe il Trattato, né gradì le trasformazioni liberali innovatrici nel suo Paese, tanto che, col proposito di sposare la contessa d'Oultremont, belga e cattolica, decise di abdicare (ottobre 1840).

. Webtrekk 3.2.2, (c) www.webtrekk.com -->