Questo sito contribuisce alla audience di

Haacke, Hans

artista tedesco (Colonia, 1936). Ha studiato alla Staatliche Werk-Akademie di Kassel dal 1956 al 1960 e, dopo aver soggiornato a Parigi, grazie ad alcune borse di studio, si è stabilito a New York. I suoi lavori si sviluppano all'interno dell'arte concettuale in maniera simile, per certi aspetti, al ready-made di Duchamp. Haache interviene con un'operazione di recinzione ed etichettatura di fenomeni fisici, dotati di vita propria e agenti in uno spazio e in un tempo reali (Condensation Cubes, Grass Cubes e Chickens Hatching). Nel 1966 ha esposto alla Biennale di Venezia, nel 1972 e nel 1982 a Documenta di Kassel, mentre gli sono state dedicate mostre personali presso il Centro Nazionale d'Arte Contemporanea di Parigi (1976), la Tate Gallery di Londra (1984) e il New Museum of Contemporaney Art di New York (1986). Haache ha, inoltre, condotto una stringente denuncia sui rapporti tra mondo economico, mass-media e avvenimenti politici, in particolare con il lavoro, intitolato Kontinuitat, proposto a Documenta 8 di Kassel (1987). Nel 1993, ha rappresentato la Germania nel Padiglione nazionale allestito in occasione della XLV Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia. Tra le altre partecipazioni alle più recenti rassegne, ricordiamo ancora: Temporarily Possessed (The New Museum of Contemporary Art, New York, 1995) e Old Glory: The American Flag in Contemporary Art (Phoenix Art Museum, Phoenix, 1996) e la personale al Portikus Museum di Francoforte nel 2000.

Media


Non sono presenti media correlati