Questo sito contribuisce alla audience di

Habarovsk, Territòrio di-

(Habarovskij Kraj). Territorio della Russia orientale, 788.600 km², 1.412.260 ab. (stima 2006), 2 ab./km², capoluogo: Habarovsk. Confini: provincia di Magadan (N), Mare di Ohotsk (E), Territorio di Primorje (S), Repubblica di Saha (W), provincia di Amur (W); Cina (S).

Il territorio, che comprende anche la Provincia autonoma degli Ebrei, si estende nella Siberia sudorientale, su una regione montuosa (altopiano Judoma-Maja, monti Džugdžur, monti della Bureja, monti del Badžal; i più elevati, 2640 m, i monti Sihote-Alin) affacciata a E al Mar di Ohotsk e separata dall'Isola di Sakhalin dallo Stretto dei Tartari. L'area è solcata da numerosi fiumi, tra cui il fiume Amur, l'Amgun e l'Uda e conta molti laghi, tra cui il lagoUdyl, il lago Oren e il lago Bolon, ubicati nel bacino dell'Amur. A N la vegetazione assume le forme della taiga e della tundra, al centro vi è una depressione paludosa e coperta di foreste, mentre il meridione è caratterizzato da boschi decidui. Il clima è di tipo monsonico. La popolazione è composta per oltre il 90% da russi, ma sono presenti sul territorio altri gruppi etnici minori (ucraini, nanai, tatari, coreani, bielorussi ecc.). § Le attività economiche più diffuse sono la pesca, lo sfruttamento forestale e minerario (carbone a Srednij Urgal, stagno a Gornyj, Solnečnyj e Hingansk, oro a Sovetskaja Gavan); lungo il bacino dell'Amur vi sono coltivazioni di grano e soia. Le industrie (petrolchimiche, chimiche, siderurgiche, meccaniche, del legno) sono concentrate nel capoluogo e a Komsomolsk-na-Amure, sede delle principali industrie di produzione di ferro e acciaio. Il territorio è attraversato da un oleodotto che porta il petrolio dall'isola di Sahalin a Habarovsk. Vi transita la ferrovia Transiberiana e il territorio è servito da un aeroporto internazionale. § Il territorio fu occupato da una tribù semi-nomadica cinese tra i sec. IV e IX. Nel 1649-1650 la Russia fece un primo tentativo di conquista dell'area con una spedizione guidata da Erofej P. Habarov, fermato però dalla resistenza cinese. Con il Trattato di Nerčinsk (1689) i russi dovettero rinunciare al territorio per oltre 150 anni. A metà del sec. XIX una spedizione militare russa occupò l'intero corso dell'Amur e la conquista fu riconosciuta dalla Cina con il Trattato di Aigun del 1858 in cui si stabiliva il fiume Amur come confine tra Cina e Russia e si garantiva a questa libero accesso all'oceano Pacifico.

Media


Non sono presenti media correlati