Questo sito contribuisce alla audience di

Helm, Brigitte

nome d'arte dell'attrice cinematografica tedesca Gisele Eve Schittenhelm (Berlino 1906-Ascona, Svizzera, 1996). Lanciata da Metropolis (1926) di F. Lang in un doppio personaggio, angelico e malefico, fu poi impiegata nell'uno (Il giglio nelle tenebre, 1927, di G. W. Pabst) o nell'altro ruolo (due edizioni di Alraune, la figlia del male, nel 1928 e nel 1930), con prevalenza del secondo fino alla donna-statua Antinea in Atlantide (1932) di Pabst. Dallo stesso regista fu guidata in Crisi (1928) a una tormentosa analisi psicologica.