Questo sito contribuisce alla audience di

Holstein, ducato di-

ducato dell'Holstein abitato anticamente dai Nordalbingi, sottomessi da Carlo Magno nel sec. VIII, fu a lungo sottoposto alle invasioni danesi finché Corrado II ne fissò i confini sett. sul fiume Eider (1035). Nel 1110 il duca Lotario di Sassonia passò l'Holstein alla casata di Schaumburg che acquistò Wagrien (1134) e il Lauenburg (1200), ma dovette a più riprese difenderli dalle mire danesi. Estintasi con Adolfo VIII la linea maschile di Schaumburg (1459), gli Stati elessero loro sovrano Cristiano I di Danimarca. Questi, per essere eletto, dovette però impegnarsi a non separare mai lo Schleswig (feudo danese) e l'Holstein (feudo imperiale tedesco). Quando poi la linea laterale discendente di Holstein Gottorp si imparentò con la casa regnante svedese, il ducato diventò il terreno di scontro tra Svezia e Danimarca. La linea di Gottorp ottenne nel sec. XVIII le corone di Svezia e di Russia e cedette l'Holstein alla linea principale danese (1773) in cambio dell'Oldenburg, che fu eretto a ducato per un ramo cadetto. Il ducato mantenne, durante tutti questi avvenimenti, carattere fondamentalmente tedesco per cultura e tradizioni ed entrò a far parte della Confederazione Germanica nel 1815. Nel 1848, a causa delle manovre danesi per inglobare definitivamente lo Schleswig, le popolazioni dei due ducati insorsero e la Prussia intervenne in loro aiuto, ma per la pressione delle potenze europee dovette firmare il 2 luglio 1850 la pace con la Danimarca riconoscendone l'integrità territoriale e, dopo l'umiliazione di Olmütz (29 novembre 1850), usare le proprie forze armate per disarmare la luogotenenza germanica che s'era costituita nei due ducati. Nel 1863 lo stesso problema portò invece alla guerra austro-prussiana contro la Danimarca e alla disfatta di quest'ultima che, con la Pace di Vienna (1864), dovette rinunciare definitivamente alla sovranità sui due ducati. L'accordo di ripartizione tra le due potenze vincitrici (Convenzione di Gastein, 1865) risultò debole e provvisorio e costituì il pretesto della guerra austro-prussiana del 1866, alla cui fine i due ducati furono incorporati alla Prussia.

Media


Non sono presenti media correlati