Questo sito contribuisce alla audience di

Hunan

Guarda l'indice

Generalità

Provincia (210.000 km²; 65.020.000 ab. nel 1999; capoluogo Changsha) della Cina, nella Regione del Centro-Sud.Il territorio, esteso alla destra della bassa valle dello Yangtze Kiang, è prevalentemente montuoso, tranne nel settore nordorientale, occupato dalla depressione del lago Tungting, cui convergono le valli dei fiumi Lin Yuan, Tzu e Hsiang. L'agricoltura (tè, cereali, soia, patate dolci, cotone, ramié e tung) e lo sfruttamento forestale e del sottosuolo (piombo, tungsteno, antimonio, zinco, manganese, mercurio, fosfati e carbone) sono le più importanti risorse economiche della popolazione. In sviluppo altresì le industrie (siderurgiche, metallurgiche, meccaniche, alimentari, tessili, della carta e chimiche), concentrate nel capoluogo e nelle città di Siangtang, Zhuzhou, Hengyang, Changde, Shaoyang e Yiyang. Anche Hu-nan.

Storia

Il territorio, anticamente abitato da tribù meridionali Man o “Man-tzu”, nel periodo feudale appartenne al regno di Chu. Area tradizionalmente agricola, fin da epoca remota resa adattissima alla coltivazione del riso, ha visto succedersi sul suo suolo numerose rivolte contadine. La popolazione oppose fiera resistenza alla conquista mancese; nel 1735 vi esplose una rivolta di tribù montanare e tra il 1796 e il 1804 vi furono altre rivolte guidate dalla società segreta del Loto Bianco. All'epoca dell'insurrezione dei T'ai-p'ing fu teatro di violentissimi scontri tra le truppe degli insorti e quelle dei Ch'ing sostenute dai proprietari terrieri. Repressa l'insurrezione, nello Hunan si rafforzò il potere militare-feudale ed ebbe inizio la penetrazione del capitale straniero. Sul finire del secolo si ebbe la comparsa delle prime industrie, seguita dall'apertura al commercio estero dei centri di Yüeh-chow (1899) e Ch'angsha (1904) e dalla costruzione delle prime ferrovie. Lo Hunan fu al centro dell'attività antimperialistica e antifeudale del movimento Quattro maggio (1919), il cui organizzatore locale era Mao Tse-tung insieme a Liu Shao-chih. Nel 1920 vi sorsero i primi gruppi marxisti della Cina e l'Unione della gioventù socialista. Durante la I guerra civile rivoluzionaria (1924-27) si ebbe nello Hunan uno sviluppo impetuoso del movimento contadino e operaio. Nel gennaio 1928 un'insurrezione scoppiata nello Hunan meridionale, sotto la guida di Chu Teh, Chen Yi, Lin Piao, determinò per 3 mesi il permanere in quella zona di un potere rivoluzionario. Sempre nel 1928 fu costituito sul Chinkangshan il IV corpo d'armata, prima grossa formazione stabile dell'Armata Rossa Cinese. Sconfitto il Giappone, la provincia fu definitivamente sgombrata dalle forze del Kuomintang nell'agosto 1949 a opera della IV armata di strada dell'Esercito Popolare di Liberazione.

Archeologia

Sede del regno di Ch'u nel periodo dei Chou Orientali (770-221 a. C.) in questa regione sono state fatte interessanti scoperte archeologiche che vanno dal periodo Chou a quello Han. Tra le scoperte più famose vanno ricordate le tombe nei pressi di Ch'angsha che hanno restituito centinaia di reperti interessanti: bronzi, lacche, giade, ceramiche, e anche resti di sacrifici umani.