Questo sito contribuisce alla audience di

Ibiza

Guarda l'indice

Generalità

Isola spagnola (572 km²; 113.908 ab., stima 2006) del mar Mediterraneo, la terza per estensione delle isole Baleari, situata 80 km a SW dell'isola di Maiorca, da cui la separa il canale di Maiorca. Ha coste alte e articolate e culmina a 475 m nell'Atalayasa; ricoperta da vegetazione di tipo mediterraneo, ha clima caldo e poco piovoso. Molto sviluppato il turismo. Centri principali sono Ibiza, Santa Eulalia del Río e San Antonio Abad. Anche Iviza o Eivissa.

Arte

Chiamata dai Greci Ébusos, colonizzata dai Cartaginesi nel sec. VII a. C. e conquistata poi dai Romani nel 121 a. C., non restano tracce evidenti della città fenicio-punica corrispondente all'abitato moderno, ma scavi in varie parti dell'isola hanno messo in luce necropoli (Puig d'es Molins) e santuari punici (Cueva d'es Cuyram, Puig d'en Valls) con resti di sacrifici umani (Isla Plana) e molte terrecotte votive figurate. Le sepolture (ipogei e sarcofagi) danno corredi (sec. VI-I a. C.) con ceramica, statuette e maschere funerarie spesso di influsso greco. La città attuale di Ibiza conserva le mura (1554-85) e numerosi monumenti medievali, tra cui la cattedrale in stile gotico catalano, a una sola navata, modificata in epoca barocca; la chiesa di Nuestra Señora de Jesús, con altare quattrocentesco degli Osona, e la Curia.

Media

Ibiza.