Questo sito contribuisce alla audience di

Ignjatović, Jakov

scrittore serbo (Szentendre, Budapest, 1824-Novi Sad 1889). Partecipò alla rivoluzione ungherese del 1848 e visse poi in esilio a Parigi e a Belgrado. Esordì da giovane con Poesie di intonazione romantica. Ancora immersi in un'atmosfera romantica sono i suoi primi romanzi e racconti storici (Durad Branković, 1859; Manzor e Džemila, 1860; Il sangue per la stirpe, 1862). In seguito Ignjatović divenne il primo narratore realista serbo con romanzi e racconti a sfondo sociale, ambientati nella Vojvodina (Trenta anni di vita di Milan Narandžić, 1860; Il mondo strano, 1869; L'eterno fidanzato, 1878; Vecchi e nuovi maestri, 1883; La martire, 1888).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti