Questo sito contribuisce alla audience di

Invincìbile Armata

(spagnolo Invencible Armada). Nome dato alla flotta inviata nel maggio del 1588 da Filippo II contro l'Inghilterra. Constava di 130 navi, per un totale di 57.868 tonnellate, con 2431 pezzi d'artiglieria e oltre trentamila uomini, tra marinai e soldati. Il comando venne affidato ad Alonso de Guzmán, duca di Medina Sidonia, essendo morto poco prima l'esperto marchese di Santa Cruz. La flotta avrebbe dovuto imbarcare nei porti fiamminghi un esercito spagnolo al comando di Alessandro Farnese. Ritardata dal tempo avverso (aveva dovuto riparare a La Coruña), l'Invincibile Armata si scontrò tra il 21 e il 25 luglio con la flotta inglese di lord Howard, più numerosa e molto più agile, subendo gravi perdite. Obbedendo alle ferree istruzioni di Filippo II, il duca di Medina Sidonia proseguì a ogni costo fino a Calais (6 agosto), ma A. Farnese, bloccato da una flotta olandese, non si presentò all'appuntamento. Continuamente molestata da Inglesi e Olandesi, l'Invincibile Armata salpò in disordine lungo la costa, ma la tempesta la spinse a nord, fra la Scozia e l'Irlanda, dove molti vascelli naufragarono. Solo 53 navi, fra le maggiori, poterono tornare in Spagna; il resto si perdette, e con esse le ultime speranze spagnole di sconfiggere l'Inghilterra.

Bibliografia

Garrett Mattingly, The Defeat of the Spanish Armada, Londra, 1959; Lloyd Christopher, Le grandi battaglie navali a vela, Milano, 1970.

Media


Non sono presenti media correlati