Questo sito contribuisce alla audience di

Ipsilanti, Alessandro (patriota)

patriota greco (Kijev 1792-Vienna 1828). Come ufficiale dell'esercito russo prese parte alle campagne contro Napoleone. Divenuto aiutante di campo dello zar, nel 1820 fu iniziato alla Filikì Eterìa, di cui divenne capo. Nel febbraio del 1821, alla testa del Battaglione Sacro, diede il segnale della rivolta nelle Egemonie; dopo la sconfitta di Dragasani passò in Austria, dove fu catturato e tenuto prigioniero prima in Ungheria, poi in Boemia. Liberato nel 1827 per intercessione dello zar, morì poco dopo.

Media


Non sono presenti media correlati