Questo sito contribuisce alla audience di

Ivanov, Vsevolod Vjačeslavovič

narratore e autore teatrale russo (Lebjaže, Semipalatinsk, 1895-Mosca 1963). Fu un autodidatta ed esercitò ogni sorta di mestieri prima di essere avviato alla letteratura da Gorkij, che lo indusse a unirsi al gruppo dei Fratelli di Serapione. Dopo i racconti Venti colorati (1922) e il romanzo Sabbie azzurre (1923), che hanno come soggetto la campagna primitiva, miserabile e crudele, scrisse i racconti Partigiani (1923) e il breve romanzo Il treno blindato 1469 (1922), nei quali descrisse con acerbo naturalismo, in base a esperienze personali, la guerra civile in Siberia e in Mongolia. Più tardi (1927) Ivanov stesso trasse dal romanzo un dramma che fu uno dei maggiori successi del nuovo repertorio del Teatro d'arte di Mosca.

Media


Non sono presenti media correlati