Questo sito contribuisce alla audience di

Iwaszkiewicz, Jarosław

scrittore polacco (Kalnik, Ucraina, 1894-Varsavia 1980). Partecipò alla fondazione del gruppo poetico Skamander e debuttò con poesie espressionistiche (Ottonari, 1919; Dionizje, 1922). Tra le sue principali raccolte di poesie, raffinate e musicali, figurano Estate 1932 (1933), La treccia dell'autunno (1954), Tutto l'anno (1967), Canzoniere italiano (1974). I suoi migliori racconti sono raccolti in Le signorine di Wilko (1933), La vecchia fornace (1946), Novelle italiane (1947), Giardini (1974) e Zarudzie (1976), mentre tra i romanzi sono notevoli Gli scudi rossi (1934), di argomento storico, e soprattutto La gloria e la fama (1962), panorama complesso delle vicissitudini della società polacca negli anni 1914-45. Penetrante osservatore anche nei lavori teatrali, è autore, tra l'altro, di Un'estate a Nohant (1936) e Cosmogonia (1966). Scrisse inoltre saggi biografici su compositori (Chopin, Bach), impressioni di viaggio (Pietroburgo, 1976; Attraverso l'Italia, 1977) e recensioni riunite in Conversazioni sui libri (1961). Postumi sono usciti Musica di sera (1981), raccolta di poesie, e il volume di ricordi Il viale degli amici (1984).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti