Questo sito contribuisce alla audience di

Järnefelt, Arvid

scrittore finlandese (Pulkovo, Pietroburgo, 1861-Helsinki 1932). Seguace entusiasta delle idee di Tolstoj, si ritirò in campagna dove fondò una comune agricola, facendosi interprete, anche attraverso le sue opere, dell'umanitarismo tolstoiano. Sono di questo periodo lo scritto autobiografico Il mio risveglio (1894), storia della sua conversione religiosa, la raccolta di racconti Destini umani (1895), i drammi Samuel Croëll (1899) e La dottrina dello schiavo (1902; rimaneggiato nel 1910 col titolo Titus). Più liberi dall'influsso tolstoiano e artisticamente più validi i romanzi Greta e il suo Signore (1925) e Il romanzo dei miei genitori (1928-30).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti