Questo sito contribuisce alla audience di

Jèsi

comune in provincia di Ancona (31 km), 97 m s.m., 107,72 km², 39.832 ab. secondo una stima del 2007 (jesini), patrono: san Settimio (22 settembre).

Città posta nella bassa valle del fiume Esino. È sede vescovile. Di probabile origine umbra, fu, attorno al 247 a. C., colonia romana con il nome di Aesis. Devastata da Goti e Longobardi (sec. V), si costituì in libero comune nel sec. XII. Patria dell'imperatore Federico II (1194-1250), aderì alla parte ghibellina, ma fu successivamente travagliata da lotte intestine e da frequenti guerre con le città vicine (Fabriano, Ancona, San Severino). Caduta in potere di Albornoz e assoggettata alla Chiesa (1355), fu poi concessa a Braccio da Montone (1420), ai Malatesta (1426-29) e a Francesco Sforza (1433). All'inizio del sec. XVI ritornò tra i diretti domini della Chiesa. § Conserva le mura trecentesche, costituenti un sistema difensivo completo, la chiesa gotica di San Marco (sec. XIII) e il Palazzo della Signoria, costruzione rinascimentale di Francesco di Giorgio Martini, con torre, portale e porticato. Il palazzo Pianetti, capolavoro del rococò italiano, è sede della Pinacoteca civica che conserva alcune opere di Lorenzo Lotto. Il Teatro dedicato a Giovanni Battista Pergolesi, che qui nacque (1710-36), fu inaugurato nel 1798. § La città, grazie a moderne strutture commerciali e alla posizione su importanti vie di comunicazione, svolge il ruolo di mercato per i prodotti ortofrutticoli e dell'allevamento di tutta la Vallesina e per i produttori del verdicchio dei Castelli di Jesi DOC. Sviluppato il comparto industriale, operante nei settori alimentare, tessile, metalmeccanico, edile, dell'abbigliamento, del legno e della plastica. Prestigiosa è la tradizione artigiana della città: sin dal sec. XIII viene praticata l'arte orafa da alcune botteghe. Notevole è il flusso turistico. § È sede di un'importante scuola di scherma del CONI. In estate vi si svolge il festival musicale Pergolesi Spontini. Vi sono nate le fiorettiste Giovanna Trillini (1970) e Valentina Vezzali (1974).