Questo sito contribuisce alla audience di

Jørgensen, Jens Johannes

scrittore danese (Svendborg, Fionia, 1866-1956). Dopo aver studiato lettere e zoologia a Copenaghen, si dedicò al giornalismo. Fu un seguace del naturalismo positivistico e divulgò il simbolismo con la rivista Taarnet (La Torre). La sua raccolta Confessione (1894) segnò il passaggio dal simbolismo a un'inquietudine mistica che sfociò nella conversione al cattolicesimo (1896). Nel 1922 divenne cittadino onorario di Assisi. Intimismo e soggettivismo tormentato caratterizzano i suoi versi (Fiori e frutta, 1907; C'è una fonte che scorre, 1920; Poesie di Danimarca, 1943) come anche gli scritti autobiografici (Menzogna e verità di vita, 1896; La leggenda della mia vita, 1916-28). Notevoli infine i libri di viaggi (Mosaico romano, 1901) e le vite dei santi (S. Francesco, 1907; S. Caterina, 1908) cui si dedicò durante il lungo soggiorno ad Assisi.

Media


Non sono presenti media correlati