Questo sito contribuisce alla audience di

Körmendi, Ferenc

narratore ungherese (Budapest 1900-Bethesda, Maryland, 1972). Esordì nel 1921 con il volume di novelle Mártir e divenne noto nel 1932 quando col romanzo Un'avventura a Budapest vinse il premio internazionale bandito da tre editori di Londra. L'intreccio avvincente, lo sviluppo rapido, quasi filmico, della narrazione, accompagnati da una sicura diagnosi dei mali che affliggevano il mondo occidentale negli anni Trenta, caratterizzano il primo e i successivi romanzi. Un'avventura a Budapest, tradotto in italiano nello stesso anno dell'apparizione, è la storia del diverso destino di due amici: uno rimasto a Budapest e l'altro emigrato in America. Tra gli altri suoi romanzi sono da ricordare: Via Bodenbach (1932), avventura amorosa d'un ingegnere in treno; La generazione felice (1934), storia di una carriera budapestina; Peccatori (1935), il caso di un ricco industriale e di un operaio assassino. Dopo l'intermezzo delle novelle Musica in riva al lago (1935), ha pubblicato ancora romanzi (L'errore, 1938).

Media


Non sono presenti media correlati