Questo sito contribuisce alla audience di

Kariba, lago di-

bacino artificiale (ca. 5300 km²) dell'Africa meridionale, al confine tra Zambia e Zimbabwe, formatosi in seguito allo sbarramento del corso del fiume Zambesi mediante la diga di Kariba, costruita a partire dal 1955 in corrispondenza delle gole di Kariba. Alla costruzione della diga, ultimata nel 1959, presero parte un'impresa italiana e alcune inglesi. Il bacino alimenta una centrale da 705.000 kW, situata nel territorio dello Zimbabwe, che fornisce energia elettrica utilizzata dallo Zambia. Le acque del lago, chiamato anche Elisabetta, sono pescose; tuttavia, per l'insufficiente quantità di plancton fornita da un ecosistema in delicato equilibrio, il prodotto è andato diminuendo dai 26.000 q iniziali a ca. 10.000 q annui, in massima parte costituiti da una specie pelagica importata di sardina (kapenta). Il livello delle acque, inoltre, fa registrare forti oscillazioni (fino a 11 m), con conseguente erosione delle sponde e distruzione della vegetazione riparia.

Media


Non sono presenti media correlati