Questo sito contribuisce alla audience di

Kennelly, Brendan

poeta irlandese (Ballylongford, Kerry 1936). Docente di letteratura moderna all' Università di Dublino, spesso nelle sue opere ha rappresentato alcune usanze tradizionali della contea di Kerry, residuo di antichi e suggestivi miti celtici. L'affermazione del mito come sostanza e nutrimento della scrittura è uno dei tratti caratteristici della poesia di Kennelly, investita del ruolo di forza rigeneratrice del passato nella società contemporanea. Tra le sue prime raccolte di poesie si ricordano Collection One:Getting Up Early (1966), Dream of Black Fox (1968; Sogno di una volpe nera), Bread (1971; Pane), The Voices (1973; Le voci), Shelley in Dublin (1974; Shelley a Dublino) e A Small Light (1979; Una piccola luce). Ma è con Cromwell (1983) che Kennelly si è guadagnato la massima considerazione da parte della critica nazionale e internazionale. L'opera, infatti, è stata valutata come una delle più grandi espressioni poetiche della letteratura irlandese contemporanea. Anche il poema epico The Book of Judas (1991; Il libro di Giuda), opera in cui viene data voce direttamente al “traditore” Giuda, è stato accolto come un autentico capolavoro. Successivamente ha pubblicato, sempre nell'ambito della poesia, The Man Made of Rain (1998; L'uomo fatto di pioggia), The Singing Tree (1999; L'albero cantante) e Glimpses (2001; Sguardi). Ha scritto anche alcuni romanzi tra i quali si menzionano The Crooked Cross (1963; La croce storta) e The Florentines (1967; I fiorentini). Nel 2009 ha pubblicato la raccolta di poesie Reservoir Voices (2009).

Media


Non sono presenti media correlati