Questo sito contribuisce alla audience di

Kiel

capoluogo del Land dello Schleswig-Holstein (Germania), 5 m s.m., 233.300 ab. (stima 2003).

Località della Germania, situata in bella posizione nella parte più interna dell'omonimo fiordo (Kieler Förde, lungo 16 km) aperto sul Mar Baltico, 60 km a NW di Lubecca, alla convergenza di importanti vie di comunicazione, fra le quali il canale di Kiel. È un notevole centro amministrativo e culturale (l'università è stata fondata nel 1665); una città ancora proiettata verso il mare, con un grande mercato del pesce e un attivo porto marittimo § Colonia germanica nota come Civitas Holsatorum, fu distrutta dagli Slavi nel 1072 e fu ricostruita da Adolfo IV (1226). Nel 1242 ricevette la carta dei diritti. Nel sec. XIII entrò nella Lega Anseatica e alla fine del sec. XVIII diventò il centro dei ducati di Schleswig e di Holstein. Nel 1773 entrò a far parte della Danimarca e nel 1866 fu annessa alla Prussia. Nel 1918, dai marinai della base di Kiel prese l'avvio la rivoluzione che portò alla caduta dell'Impero guglielmino.§ La città fu sede di un'importante manifattura di maiolica fondata nel 1763 per volere del duca di Holstein. La produzione, caratterizzata da una grande varietà di forme improntate al gusto rococò e da una decorazione vivacemente policroma, si protrasse sino al 1788. Nella città ha sede la Kunstgalerie (fondata nel 1857), che raccoglie importanti dipinti di artisti tedeschi dal Seicento in poi, sculture dei sec. XIX-XX, una sezione di disegni e oltre 15.000 stampe, soprattutto di maestri tedeschi. Il museo della marina, Schifffahrtsmuseum, raccoglie invece le testimonianze del passato marinaro della città. § Tra gli eventi più interessanti figura la Kieler Woche, la settimana di Kiel, grande raduno velico in cui le regate si accompagnano a una festa popolare famosa in tutto il Mare del Nord. La città è inoltre sede del Festival musicale dello Schleswig-Holstein.

Media


Non sono presenti media correlati