Questo sito contribuisce alla audience di

Kieslowski, Krzysztof

regista cinematografico polacco (Varsavia 1941-1996). Laureatosi alla scuola di cinema di Łódź, dopo molti anni dedicati al documentario (1969-80) si è rivolto al cinema a soggetto, mostrando un linguaggio sempre più incisivo e originale, tra il realismo e una metafisica negativa di intenso fascino e profondità. Tra i suoi film si ricordano La cicatrice (1976), Senza fine (1984) e i capolavori Breve film sull'uccidere (1988) e Non desiderare la donna d'altri (1989), versioni dilatate de Il decalogo, straordinario film in 10 episodi per la televisione, imperniato su una lettura dei Dieci Comandamenti (e sceneggiato in coppia con Kieslowski Piesiewicz). Del 1991 è La doppia vita di Veronique, di coproduzione francese. Tra il 1993 e il 1994 ha realizzato l'ardua trilogia dedicata al motto tricolore della Repubblica francese (“Libertà, uguaglianza, fraternità”) che comprende Film Blu, Leone d'oro a Venezia, Film Bianco, Orso d'argento a Berlino, Film Rosso, Palma d'oro a Cannes.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti