Questo sito contribuisce alla audience di

Kitoj

fiume (316 km) della Siberia, affluente di sinistra dell'Angara, da cui prende nome una cultura preistorica, tarda fase (2500-1800 a. C.) del Neolitico siberiano nella regione del lago Bajkal. Della civiltà di Kitoj, che si differenzia dalle precedenti culture di Isakovo e di Serovo, si sono trovate tracce di abitazioni con piano di calpestio a livello del terreno, accanto a fosse rivestite con pietre. Nel rituale relativo all'inumazione compare l'uso dell'ocra, con la quale venivano ricoperti i cadaveri. Sopra le tombe venivano composti tumuli di pietre. L'arredo funebre dei pescatori del Bajkal annovera, tra utensili e ornamenti in pietra e in osso, coltelli e accette in nefrite levigata. Mediante l'esportazione di una varietà della nefrite (cioè la giada) s'intessono in quest'età i rapporti tra le culture siberiane e la Cina della dinastia Shang, rapporti e scambi resi più consistenti attraverso l'attività della successiva cultura di Glazkovo.

Media


Non sono presenti media correlati