Questo sito contribuisce alla audience di

Kivi, Alexis

pseudonimo dello scrittore finlandese A. Stenvall (Nurmijärvi 1834-Tuusula 1872). Vissuto in povertà a Tuusula, vi morì alcolizzato. Portò sulle scene gli umori della campagna finnica e della sua gente, ottenendo il miglior risultato con I calzolai della landa (1864). A un cupo episodio del Kalevala si ispirò per la tragedia Kullervo (1864) e da un episodio del Vangelo di San Luca trasse lo spunto per l'idillio Lea (1869). È considerato l'iniziatore del teatro finnico. Come narratore è noto soprattutto per il romanzo I sette fratelli, scritto tra il 1861 e il 1869, espressione genuina dell'anima finnica nel suo gusto per il fantastico, nel suo innato umorismo e nella sua istintiva religiosità. Kivi lasciò anche poesie (Landa di erica; postumo, 1886).

Media


Non sono presenti media correlati