Questo sito contribuisce alla audience di

Krasnojarsk (Territorio)

Guarda l'indice

(Krasnojarskij Kraj). Territorio della Russia centrale, 2.339.700 km², 2.906.181 ab. (stima 2006), 1 ab./km², capoluogo: Krasnojarsk. Confini: Mar Glaciale Artico (N), Repubblica di Saha (E), provincia di Irkutsk (SE), Repubblica della Hakassia (S), provincia di Kemerovo (SW), provincia di Tomsk (W), provincia di Tyumen' (W).

Generalità

Questa divisione amministrativa comprende anche i Circondari del Tajmyr e degli Evenki (autonomi fino al 2005). Si colloca nella Siberia centrale ed è la seconda regione più grande della Federazione Russa, occupando il 13% della sua superficie totale; corrisponde in gran parte al bacino imbrifero del fiume Jenisej. Vista la sua notevole estensione, che va dal Mar Glaciale Artico fino quasi all'estremo sud della Siberia, presenta aspetti alquanto diversi, comprendendo parte dell'altopiano siberiano con alcuni gruppi montuosi (Saiani Occidentali e parte dei Saiani Orientali, monti Putorana), vaste estensioni della pianura siberiana e la penisola del Tajmyr, di cui i monti Byrranga costituiscono l'ossatura. Il territorio ospita circa il 10% delle foreste russe, con una vegetazione molto varia, che comprende foreste artiche palustri (taiga nordica), conifere (cedri, abeti, larici) tipiche della taiga centrale e boschi decidui nella parte meridionale della regione. Sul territorio, il Parco Nazionale Šušenskij Bor. Il clima è continentale con inverni molto rigidi. Il 20% del territorio si colloca all'interno del Circolo Polare Artico, anche per questo la densità di popolazione è molto scarsa e l'area è popolata quasi esclusivamente in prossimità della ferrovia Transiberiana, che attraversa la regione. La popolazione è rappresentata per la maggior parte da russi, ma vi sono moltissime minoranze, tra cui ucraini, tatari, tedeschi, azeri, e numerosi piccoli gruppi etnici indigeni come Evenki, Nenec e Yakuti. Il territorio è ricchissimo di risorse naturali: esso fornisce infatti l'80% del nichel estratto in Russia, il 75% del cobalto e il 70% del rame. Altre importanti risorse minerarie sono l'oro e il carbone. Il settore agricolo contribuisce per meno del 10% al PIL. Le maggiori industrie sono metallurgiche, energetiche, chimiche, di raffinazione del greggio e del legname. Oltre il 90% delle città (le più importanti sono Eniseisk, Asino, Ačinsk, Nazarovo e Norilsk) e delle industrie si colloca nella parte meridionale del territorio.

Storia

Con la realizzazione della Strada Moscovita, nel Settecento, si diede inizio a una nuova tappa del popolamento e dello sviluppo del territorio, fino a quel momento semideserto. Nel 1822 fu istituito il Governatorato di Enisejsk di cui Krasnojarsk divenne il centro amministrativo. Nel 1934 fu creato il Territorio di Krasnojarsk del quale fino al 1992 faceva parte anche la Repubblica Autonoma di Hakassia.

Media


Non sono presenti media correlati