Questo sito contribuisce alla audience di

Lìpsia

Guarda l'indice

(Leipzig). Città nel Land della Sassonia (Germania), 118 m s.m., 520.838 ab. (2012).

Generalità

Situata alla confluenza dei fiumi Pleisse e Parthe nel Weisse Elster. Importante centro commerciale, si inserì nel sec. XIX nello sviluppo industriale tedesco favorita dalla sua posizione di transito tra il Baltico, l'Europa alpina, la Slesia e la Renania, che ne fa uno dei principali nodi ferroviari e stradali del Paese. La sua stazione (costruita nel 1915, ristrutturata nel 1998) è la più grande stazione di testa d'Europa per linee passeggeri. È sede di un'università (1409) e di istituti di ricerca, accademie, teatri, musei e biblioteche. La fama di città della musica è dovuta all'attività dell'orchestra della Gewandhaus e del coro della Thomaskirche di cui fu direttore J. S. Bach. È una delle 12 sedi scelte per i Mondiali di calcio del 2006. Vi nacquero il filosofo Gottfried Wilhelm Leibniz (1646-1716) e il compositore Richard Wagner (1813-1883).

Storia

Sorta da un originario nucleo slavo, cui se ne aggiunse uno tedesco nel sec. X, fu dal sec. XII possesso del margraviato di Meissen e ottenne i privilegi municipali da Ottone il Ricco nel 1190. La città accrebbe continuamente i propri diritti, ottenendo tra gli altri quello di battere moneta, di esigere dazi e di tenere fiere commerciali, diventando una delle più ricche e importanti città tedesche. A partire dal sec. XVI la fiera annuale di Lipsia cominciò ad attrarre mercanti da tutti i Paesi d'Europa, per i vantaggi economici da essa garantiti e per la comodità della sua posizione geografica. Sede di università, fu un centro di notevole importanza culturale; vi si svolse la disputa (1519) tra Lutero e Giovanni Eck, che decise della rottura tra Riforma e Chiesa romana. Durante la guerra dei Trent'anni, contesa tra Imperiali e Svedesi, subì ben cinque assedi, ma il suo sviluppo fu solo momentaneamente arrestato. Nel 1813, nel corso della guerra della VI coalizione contro Napoleone, vi si svolse la famosa Battaglia delle Nazioni. Con l'incorporazione nella Prussia (1815) e l'adesione allo Zollverein (1834), Lipsia dovette rinunciare a perseguire una politica economica basata su privilegi e autonomie di origine medievale, ormai anacronistiche nel quadro di una Germania libera da barriere doganali; grazie alla sua posizione strategica e allo sviluppo della ferrovia che ne fece il principale nodo tedesco, la città conservò il suo ruolo commerciale, soprattutto nel settore editoriale. Nel corso della seconda guerra mondiale subì gravi devastazioni e dovette in gran parte essere ricostruita dopo il 1945. Compresa nella Repubblica Democratica Tedesca (1949), nel maggio 1989 fu tra le prime città a manifestare per la democratizzazione del sistema politico, che avrebbe portato di lì a poco all'unificazione. La sua fiera (primaverile e autunnale) è una delle più importanti d'Europa.

Arte

La chiesa di St. Thomas (dove fu cantore J. S. Bach), fondata nel 1213 dagli agostiniani, fu rifatta nel sec. XIV (atrio) e nel XV (coro, navate); vi si conservano alcuni bei sepolcri del Cinquecento, tra cui quello della famiglia Bachofen (ca. 1550). La chiesa dei Paolini o dell'Università, pure di fondazione duecentesca, contiene una tavola di Lucas Cranach il Vecchio e sepolcri dei sec. XV-XVI. Numerosi i palazzi rinascimentali (tra cui l'Altes Rathaus, 1556; l'Alte Waage, 1555) e barocchi (Alpeshaus, 1606-07; Alte Handelsbörse, 1678-87; Romanushaus, 1701-04; Fregehaus 1706-07). Per commemorare la vittoria del 1813 dei Prussiani, degli Austriaci e dei Russi sull'esercito napoleonico furono eretti, nel 1913, la chiesa di Sankt Alexis e il Volkerschlachtdenkmal, monumento alto 91 metri, realizzato da B. Schmitz e C. Thieme. § Il Museum der Bildenden Künste espone dipinti e sculture dal Medioevo all'epoca contemporanea, tra cui notevoli quelli di artisti tedeschi e olandesi dei sec. XVI-XVIII e italiani dei sec. XVIII-XX. Il complesso universitario del Grassimuseum riunisce il Museum des Kunsthandwerkes, con opere di artigianato artistico di ogni epoca; il Musikinstrumenten Museum, con una collezione di oltre 5000 pezzi, e il Museum für Völkerkunde, di etnologia. All'interno dell'edificio (1914-16, progetto di O. Pusch) della Deutsche Bücherei, oltre agli spazi della biblioteca, vi è ospitato anche il Museo tedesco dei libri e dei manoscritti, con collezioni di eccezionale interesse per la conoscenza della storia della scrittura e del libro. Due istituzioni dedicate alle recenti vicende storiche tedesche sono lo Zeitgeschichtliches Forum, inaugurato nel 1999, che illustra la storia della zona d'occupazione sovietica e della Repubblica Democratica Tedesca, e il Museum Runde Ecke, con sede nell'ex quartier generale della polizia segreta (Staatssicherheit), ricco di documenti e fotografie che riguardano metodi di indagine, di repressione e di propaganda del passato regime. Case-museo dedicate alle grandi personalità che vissero a Lipsia sono il Museum Johann Sebastian Bach, la Mendelssohn Bartholdy Haus, la Robert Schuman Haus e la Friederich von Schiller Haus.

Teatro

La città ebbe importanza fondamentale nel teatro tedesco del sec. XVIII: fu qui che dal 1727 al 1739 si svolse il tentativo di rinnovamento della Neuberin appoggiato da J. Ch. Gottsched e fu all'Opernhaus auf dem Bruehl (aperto nel 1693) che si rappresentarono le opere di Strungk, Heinichen, Graupner e Telemann. Poi Lipsia perse la sua leadership a vantaggio di altre città. Sorsero tuttavia nuovi teatri (i più importanti, con l'Opernhaus, lo Schauspielhaus dedicato alla prosa, i Kammerspiele per le attività sperimentali e l'Operettentheater, oggi tutti teatri municipali, con il Theater der jungen Welt destinato al pubblico giovanile) e si ebbero molte prime assolute importanti (da Maria Maddalena di Hebbel a Lo spirito della terra di Wedekind, da Hinkemann di Toller ad Ascesa e caduta della città di Mahagonny di Brecht e Weill) a testimonianza di un permanente interesse per il teatro da parte di questa città eminentemente mercantile.

Economia

Allo sviluppo della città contribuiscono, accanto al movimento commerciale e turistico favorito dalle due fiere campionarie annuali e dalla Fiera del Libro, le industrie, tra cui rinomatissime le editoriali e le meccaniche, oltre a quelle tessili, cantieristiche, chimiche, alimentari, elettrotecniche, elettroniche e dell'abbigliamento. Aeroporto internazionale.

Curiosità

Ogni anno, tra maggio e giugno, si svolge per dieci giorni il Bach Festival, durante il quale vengono eseguite le composizioni del grande musicista tedesco. L'Auerbachs Keller, fondato nel 1525, è un ristorante conosciuto internazionalmente grazie a J. W. Goethe, che vi ambientò un episodio del Faust.