Questo sito contribuisce alla audience di

La Malfa, Ugo

uomo politico italiano (Palermo 1903-Roma 1979). Esperto di economia e di finanza, partecipò al movimento antifascista e fu tra i fondatori del Partito d'Azione (1942). Dopo la Liberazione fu ministro dei Trasporti nel governo Parri (giugno-dicembre 1945) e del Commercio Estero nel primo gabinetto De Gasperi (1945-46). Nel 1946 diede vita con F. Parri al Partito Democratico Repubblicano che nel 1948 si fuse con il Partito Repubblicano Italiano (PRI) di R. Pacciardi. Nuovamente chiamato a incarichi ministeriali nel sesto e settimo governo De Gasperi (1950-53), a partire dal 1953 sostenne la necessità di un superamento della formula centrista per un'apertura a sinistra e nel 1954 spinse per questo il suo partito a uscire dall'area governativa. Segretario (1965-75) e poi presidente del PRI, tornò quindi a ricoprire diversi ministeri nell'ambito dei governi di centro-sinistra degli anni Sessanta, assumendo poi la vicepresidenza del Consiglio nel quarto gabinetto Moro (1974-76). Tra i suoi scritti si ricordano L'altra Italia (1963), La Caporetto economica (1974), Intervista sul non-governo (1977).

Media


Non sono presenti media correlati