Questo sito contribuisce alla audience di

Laer, Pieter van-, detto il Bambòccio

pittore olandese (Haarlem ca. 1592-1642). Formatosi nell'ambiente manierista di Haarlem, fra il 1625 e il 1639 visse a Roma, dove fu in contatto con Poussin e venne influenzato da Elsheimer. Fondamentale fu però la lezione di Caravaggio, intesa soprattutto come pittura del reale quotidiano, che lo portò a elaborare un nuovo genere, detto appunto bambocciata (come bamboccianti furono detti i pittori che a lui si riferirono). La scena popolare, ambientata nei luoghi tipici del proletariato romano (taverne, strade), viene trascritta con rigoroso realismo, anche se nella composizione e negli elementi paesaggistici si avverte l'influsso classicheggiante di Poussin. Fra le sue opere migliori si ricordano i Giocatori di bocce (Dresda, Gemäldegalerie) e la Festa nella campagna romana (Vienna, Kunsthistorisches Museum).

Media


Non sono presenti media correlati