Questo sito contribuisce alla audience di

Landau, Lev Davidovič

fisico sovietico (Baku 1908-Mosca 1968). Diresse l'Istituto fisico-tecnico di Harkov (1932- 37), poi l'Istituto di fisica dell'Accademia delle Scienze sovietica. Svolse (1930) classiche ricerche sul diamagnetismo degli elettroni liberi che lo portarono a interpretare la suscettività magnetica dei metalli a bassa temperatura e in forti campi magnetici. Nel 1941 pubblicò la teoria della superfluidità dell'elio liquido per temperature in prossimità dello zero assoluto, studi che estese poi (1950) in una teoria generale sugli stati condensati della materia. Nel 1962 gli furono assegnati il premio Nobel per la fisica e il premio Lenin.

Media


Non sono presenti media correlati