Questo sito contribuisce alla audience di

Landi

nobile famiglia piacentina, anticamente chiamata Dell'Andito. Il ramo principale fu quello dei Landi di Compiano, discendente da Giannone (sec. XIII) a cui appartenne Ubertino I (m. 1298), uno dei capi ghibellini italiani. Alla fine del sec. XV, con la morte di Manfredo III (1491), la famiglia dei Landi si suddivise ulteriormente nei rami di Rivalta (estintosi nel sec. XVIII) e dei Bardi, tra cui si ricorda Agostino (m. 1555), ambasciatore a Venezia di Pier Luigi Farnese (del cui assassinio fu poi l'organizzatore), che unificò il proprio ramo a quello dei Compiano sposando nel 1532 Giulia Landi, e che ricevette dall'imperatore Carlo V, di cui fu fedele alleato, il titolo di principe di Val di Taro e di Val di Ceno. Nel sec. XVII i beni dei Landi di Bardi e Compiano passarono ai Doria in seguito al matrimonio di Maria con Gianandrea Doria (1626).