Questo sito contribuisce alla audience di

Lanfranco

architetto operante tra la fine del sec. XI e gli inizi del sec. XII. Di origine sicuramente lombarda, probabilmente comasca, fu autore del duomo di Modena (iniziato nel 1099, prima consacrazione nel 1106), in cui interpretò originalmente forme lombarde (facciata a capanna, pianta a tre navate, logge ad archetti), con uno spiccato senso plastico e con un rigoroso criterio di unitarietà in tutte le parti dell'edificio. La fortuna della sua opera (il duomo di Modena fu modello per tutta l'architettura romanica emiliana), definito dall'iscrizione sepolcrale dell'abside mirificus aedificator, testimonia dell'importanza di Lanfranco, prima personalità “storica” dell'architettura italiana.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti