Questo sito contribuisce alla audience di

Lappi (provincia)

provincia della Finlandia, 98.947 km², 185.800 ab. (stima 2005), 2 ab./km², capoluogo: Rovaniemi. Confini: Oulu (S), golfo di Botnia (SW); Norvegia (N), Russia (E), Svezia (W).

Questa provincia, che prende il nome dalla più estesa regione geografica della Lapponia, si estende a N del Circolo Polare Artico. Il suo territorio è montuoso nella sezione occidentale, e digrada in una serie di lunghi dossi collinari che lasciano il posto verso E a una pianura ondulata. Ricca di laghi (Inari) e di paludi, è inoltre percorsa da numerosi fiumi: il Torne, che segna il confine con la Svezia e il Kemi, entrambi tributari del mar Baltico; il Lotta invece è tributario del mare di Barents (dove sfocia con il nome di Tuloma). Il clima, di tipo continentale subartico con precipitazioni prevalentemente estive, consente lo sviluppo della foresta di conifere fino a 400 m di altitudine. Diversi i parchi nazionali che proteggono l'ambiente naturale del ‘Grande Nord', con vegetazione selvaggia e quasi assenza di strade: Urho Kekkonen (1983), Lemmenjoki (1956), con i caratteristici villaggi sami, Pallas-Yllästunturi (2005), Pyhä-Luosto (2005), Riisitunturi (1982), Perämeri (1991), Oulanka (1956) e Syöte (1982); questi ultimi due si estendono anche nella provincia di Oulu. La popolazione ha una densità minima, la più bassa della Finlandia; il gruppo etnico dei Sami (Lapponi) è composto solo da ca. 7000 individui, circa 1/10 della popolazione sami totale che abita anche il Finmark norvegese, il Norrland svedese e il Nordovest della Russia. I centri principali sono il capoluogo, ricostruito dall'architetto finlandese Alvar Aalto dopo la distruzione avvenuta durante la seconda guerra mondiale, e il porto di Kemi sul golfo di Botnia; la regione conta tre aeroporti: nel capoluogo, a Kemi e a Ivalo, nei pressi del lago Inari. § Risorse locali sono lo sfruttamento forestale, del sottosuolo (minerali di ferro), la produzione d'energia elettrica e, in minor misura, l'attività agricola, la pesca e l'allevamento della renna. Sviluppato anche il turismo, che d'inverno si concentra a Rovaniemi, universalmente conosciuta come la città di Babbo Natale.