Questo sito contribuisce alla audience di

Latina (città)

Guarda l'indice

capoluogo della provincia omonima, 21 m s.m., 277,78 km², 115.490 ab. secondo una stima del 2007 (latinensi), patrono: san Marco Evangelista (25 aprile) e santa Maria Goretti (7 luglio).

Generalità

"Per la pianta della città vedi il lemma dell'11° volume." Situata Lazio meridionale nel cuore della Pianura Pontina, alla destra del canale delle Acque Medie, e compresa nel Parco_Nazionale_del Circeo, la città nacque nel 1932 con il nome di Littoria. Il centro funzionale di Latina si costituì intorno alle due piazze del Popolo e della Libertà, nelle quali sorsero i principali edifici pubblici. Dal punto di vista urbanistico Latina, con le sue costruzioni moderne e razionali, la sua pianta costruita su uno schema poligonale, le vie larghe e regolari, le ampie aree verdi è un caratteristico esempio di città nuova. L'abitato presenta una struttura radiocentrica, dovuta al Piano Regolatore dell'architetto Oriolo Frezzotti. È sede vescovile.

Storia

Littoria fu fondata il 30 giugno 1932 a coronamento delle opere di bonifica delle Paludi Pontine, in cui ebbe un importante ruolo l'Opera Nazionale Combattenti. Inaugurata il 18 dicembre dello stesso anno, nel 1934 fu eretta a capoluogo dell'omonima provincia (l'attuale denominazione risale al 1945). Popolata all'inizio esclusivamente da coloni veneti, accolse successivamente contingenti di immigrati provenienti da altri comuni del Lazio meridionale. Lo sviluppo demografico fu rapidissimo; nel 1936, appena due anni dopo la costituzione della provincia, contava già quasi 20.000 abitanti. Durante la seconda guerra mondiale la città subì lievi danni, mentre i dintorni furono devastati dai combattimenti seguiti allo sbarco degli Alleati ad Anzio. L'immigrazione si intensificò ulteriormente negli anni Cinquanta e Sessanta, in conseguenza del grande sviluppo economico dell'area, favorito dalla disponibilità di terreni fertili, dalla vicinanza del grande mercato di consumo di Roma e dagli interventi della Cassa per il Mezzogiorno.

Economia

L'economia poggia su basi industriali, in particolare sulle attività legate alla trasformazione dei prodotti agricoli e sui comparti metalmeccanico, tessile, chimico-farmaceutico e dei materiali da costruzione; sviluppata è inoltre l'industria cartaria e della lavorazione del vetro, del legno, della gomma e del tabacco. L'agricoltura produce cereali, ortaggi, frutta e barbabietole; è attivo l'allevamento. La posizione della città, al centro di un vasto e ricco comprensorio, un articolato sviluppo viario e la vicinanza con Roma favoriscono il sistema produttivo nel suo complesso. In forte espansione è il terziario commerciale e dei servizi, soprattutto per ciò che riguarda il turismo estivo (rinomata è la stazione balneare di Lido di Latina).

Curiosità e dintorni

Dal 1987 vi ha luogo la Fiera di Maggio, evento commerciale di ampia risonanza. In località Le Ferriere sono numerosi resti di Satrico, antica città dei Volsci.