Questo sito contribuisce alla audience di

Laurenzana

comune in provincia di Potenza (42 km), 850 m s.m., 95,27 km², 2250 ab. (laurenzanesi), patrono: Beato Egidio da Laurenzana (15 agosto) e Madonna del Carmine (16 luglio).

Centro situato alla destra del torrente Camastra. Fortificato dai Normanni, partecipò all'insurrezione ghibellina del 1268 e, sotto gli Aragonesi, appartenne agli Orsini del Balzo (fino al sec. XV). In seguito passò, tra gli altri, ai Filangieri e ai Belgioioso. Fu gravemente danneggiato dal terremoto del 1980.§ Su una rupe a dominio dell'abitato sorgono i resti del castello (sec. XIV), con tratti di mura e una torre quadrata. La chiesa dell'Assunta (duecentesca, poi rimaneggiata) ha un campanile quadrato e un portale in pietra (1780); l'interno, a tre navate, conserva tele settecentesche, un altare marmoreo e altri in legno scolpito e dorato. Nella chiesa del Carmine sono un dipinto di G. B. Serra di Tricarico e un crocifisso ligneo quattrocentesco. Del monastero di Santa Maria della Neve (sec. XV) rimane il chiostro con un affresco del sec. XVI.§ L'agricoltura produce cereali (grano e orzo), legumi, frutta e uva. Operano aziende artigianali del legno e del ferro battuto e l'industria dei liquori. Si pratica l'allevamento ovino e suino.§ Nei dintorni è l'Abetina, un bosco di faggi e abeti bianchi che si estende per circa 800 ettari.

Media


Non sono presenti media correlati