Questo sito contribuisce alla audience di

Le Parc, Julio

pittore argentino (Mendoza 1928). Ha studiato a Buenos Aires e ha partecipato presto ai movimenti artistici d'avanguardia. Stabilitosi a Parigi nel 1958, due anni dopo diede vita al “Gruppo di ricerca d'arte visuale” (G.R.A.V.) assieme agli artisti Morellet, Sobrino, Stein, Yvaral, con i quali partecipò a interessanti esperienze nel campo dell'arte cinetica e visuale fino al 1968, anno in cui il gruppo si sciolse. In questo periodo l'attività di Le Parc si è svolta, sulla scia delle esperienze maturate da Vasarely, nello specifico indirizzo della ricerca di espressione plastica delle strutture visuali, approdando alla realizzazione della terza dimensione per mezzo di effetti di luce, di colore e di trasparenze, componenti essenziali delle sue composizioni, suscettibili di moltiplicare le variazioni all'infinito. Le esperienze e i conseguimenti maturati da Le Parc nel campo dell'attività cinetica e visuale gli hanno valso il Gran Premio Internazionale alla Biennale di Venezia del 1966. Tra le opere più note si menzionano La inestabilidad (1964), El movimiento (1965), Ocho artistas cinéticos (1969), Arte eléctrico (1973) e Imágenes-mensajes de América Latina (1979).

Media


Non sono presenti media correlati
. Webtrekk 3.2.2, (c) www.webtrekk.com -->