Questo sito contribuisce alla audience di

Lemùridi

sm. pl. [da lemure]. Famiglia (Lemuridae) di Primati esclusiva del Madagascar e delle isole Comore. Di forme agili ed eleganti, i Lemuridi hanno lunghezza variabile tra i 14 e i 45 cm, più altrettanti di coda, muso più o meno prominente, occhi spesso grossi, orecchie in genere corte, arti posteriori più lunghi degli anteriori, coda ben sviluppata e folta, pelliccia soffice e spessa; hanno 36 denti. Possono riprodursi 1 o 2 volte l'anno. Nelle specie di maggior mole la gestazione è di 4-5 mesi. I Lemuridi sono per lo più arborei (con l'eccezione di Lemur catta), ma scendono spesso sul terreno, dove corrono e saltano con agilità. Alcune specie (Chirogaleus, Microcebus) cadono in una sorta si letargo estivo durante la stagione secca. La maggior parte delle specie ha abitudini notturne e si nutre di vegetali, ma anche di piccoli animali e miele. Hanno relazioni sociali simili a quelle delle scimmie, e formano gruppi familiari che possono contare fino a 20 individui. Nonostante i progetti di protezione del governo del Madagascar, molte specie sono sull'orlo dell'estinzione, a causa della deforestazione selvaggia cui è soggetta l'isola. La famiglia annovera 16 specie viventi, ripartite nelle sottofamiglie dei Lemurini, con muso più allungato (generi Hapalemur, Lemur e Lepilemur), e dei Cheirogaleini, con testa più tondeggiante (generi Cheirogaleus, Microcebus e Phaner). Alcune specie si sono estinte in epoca recente e nel quaternario. Una specie del Pleistocene, il Megaladapis, raggiungeva la statura di un piccolo uomo.

Media


Non sono presenti media correlati