Questo sito contribuisce alla audience di

Lezama Lima, José

poeta, narratore e saggista cubano (L'Avana 1910-1976). Esercitò per qualche tempo l'avvocatura; fondò poi e diresse varie riviste, tra cui Orígenes, la principale, dal 1944. I suoi libri di poesia, densi di contenuti metafisici (Muerte de Narciso, 1937; Enemigo rumor, 1941; Aventuras sigilosas, 1945; Fijeza, 1949; Dador, 1960), lo collocano tra le avanguardie e un personalissimo neobarocco. Di notevole interesse è la sua produzione saggistica (Analecta del reloj, 1953; La expresión americana, 1957; Tratados en la Habana, 1958; Esferaimagen, 1969; La cantidad hechizada, 1970; Introducción a los vasos órficos, 1971), che rivela una non comune vastità di panorama culturale. La fama di Lezama Lima resta però soprattutto affidata ai suoi due romanzi (Paradiso, 1966, e Oppiano Licario, postumo, 1977), nei quali l'universo concettuale dell'autore, il suo tono meditativo e, al tempo stesso, la sua raffinata ricerca stilistica si compongono in sintesi tra le più significative ed efficaci della moderna narrativa latino-americana.

Media


Non sono presenti media correlati