Questo sito contribuisce alla audience di

Lióni

comune in provincia di Avellino (55 km), 550 m s.m., 46,17 km², 6110 ab. (lionesi), patrono: san Rocco (16 agosto).

Centro posto nell'alta valle del fiume Ofanto; è compreso nel Parco Regionale dei Monti Picentini. Forse casale di Ferentum, distrutto per essere passato dalla parte cartaginese dopo Canne, fu ripopolato con la deportazione di tribù liguri. Nel Medioevo fu spesso in lotta con la vicina Oppido e fu feudo dei Torricelli, degli Zurlo, dei Carafa e degli Imperiali. Fu danneggiato dai terremoti del 1694 e del 1980.§ La chiesa dell'Assunta (sec. XVI e ricostruita dopo il 1980), conserva un pregevole altare secentesco. In località Oppido Vetere è un'area di interesse sia paesaggistico (ampio bosco di castagni, conifere e latifoglie), sia archeologico (resti di mura ciclopiche, tipiche dei villaggi-fortezza costruiti dai Sanniti).§ La piccola industria opera nei settori metalmeccanico, elettronico, edile e degli infissi. L'agricoltura produce cereali, ortaggi e uva da vino; sono praticati l'allevamento di bovini da latte e la raccolta delle castagne.

Media


Non sono presenti media correlati