Questo sito contribuisce alla audience di

Liaoning

provincia (145.700 km²; 41.570.000 ab. nel 1999; capoluogo Shenyang) della Cina, nella Regione di NE, tra le province di Jilin a NE e di Hebei a SW, la regione autonoma della Mongolia Interna a NW e la Corea del Nord a SE (lungo il corso del fiume Yalu). Affacciata a S al Mar Giallo, in cui protende l'articolata penisola di Liaotung, comprende la pianura del Liaohe e i rilievi collinari che la circondano. Diffusi sono l'agricoltura (cereali, tabacco, sesamo, soia, kaoliang, cotone), l'allevamento, la pesca e lo sfruttamento del sottosuolo (giacimenti di carbone, ferro, scisti bituminosi, magnesite, rame, piombo, zinco e molibdeno). Le industrie (metalmeccaniche, chimiche, tessili, alimentari, elettrotecniche e del cemento) sono ubicate soprattutto nel capoluogo e nelle città di Benxi (Pen-ch'i), Anshan, Lüda, Yingkow (Ying-k'ou), Fushun, Dandong e Liaoyang. § Sul finire del secolo scorso, dopo la sconfitta subita dalla Cina nella guerra cino-giapponese (1894-95), il Liaoning fu oggetto di mire da parte di Russia e Giappone e dopo la guerra russo-giapponese (1904-05), fu gradualmente investito dal processo di penetrazione dell'influenza giapponese nelle zone a nord del Liaotung, culminato nel 1931 con la presa di tutta la Manciuria. In seguito al crollo subito dal Giappone nel 1945 il Liaoning ritornò alla Cina nazionalista; nel 1949, dopo la costituzione della Repubblica Popolare Cinese, venne suddiviso nelle due province di Liao-hsi e Liao-tung; nel 1954, tuttavia, fu quasi integralmente riportato nei suoi antichi confini.

Media


Non sono presenti media correlati