Questo sito contribuisce alla audience di

Linguadòca-Rossiglióne

(Languedoc-Roussillon). Regione della Francia meridionale, 27.376 km², 2.462.473 ab. (stima 2003), 90 ab./km², capoluogo: Montpellier. Dipartimenti: Aude, Gard, Hérault, Lozère, Pyrénées-Orientales. Confini: Alvernia (N), Rodano-Alpi (NE), Provenza-Alpi-Costa Azzurra (E), Mar Mediterraneo (SE), Midi-Pirenèes (W); Spagna (S), Andorra (SW).

Il territorio della Linguadòca-Rossiglióne corrisponde alle regioni storiche della Linguadoca e del Rossiglione ed è composto dalla pianura alluvionale costiera formata dal delta del Rodano (Camargue) e da quello della Garonna. Il retroterra è montuoso a S dei Pirenei e a N del Massiccio Centrale. Il clima è tipicamente mediterraneo sulla costa e di montagna sulle cime più elevate dei Pirenei e del Massiccio Centrale. La popolazione è aumentata negli anni Novanta; la crescita riguarda principalmente le città costiere che sono interessate da flussi migratori di giovani provenienti dalle altre regioni francesi e da pensionati. Meta principale è Montpellier. La parte più urbanizzata della regione si situa lungo la costa: Montpellier-Sète, Béziers, Perpignan. La regione è dotata di importanti infrastrutture come l'aeroporto di Montpellier e la linea ferroviaria TGV che collega Nîmes e Montpellier a Parigi in poche ore. Parte del territorio interno è protetto dal Parco nazionale des Cévennes, istituito nel 1970. § La produzione agricola principale resta quella vitivinicola nel Rossiglione, dove occupa un quarto della superficie agricola utilizzata, seguita da quella ortofrutticola. Il settore industriale ha visto il declino delle produzioni tradizionali (agroalimentari, legno, tessile) e la nascita delle nuove industrie basate sulla ricerca e la tecnologia (chimica fine e farmaceutica, elettronica a Montpellier), materiali edili (Beaucaire, Port-La Nouvelle, Béziers), filiera metallurgica (Biterrois). Il terziario è diventato il settore dominante superando notevolmente la media nazionale (76,4% della popolazione attiva contro il 71%), i comparti più dinamici sono nel sociale, nel turismo e nella ricerca e sviluppo e si concentrano nelle aree urbane di Montpellier e Hérault.

Media


Non sono presenti media correlati