Questo sito contribuisce alla audience di

Lipchitz o Lipschitz, Jacques

scultore lituano (Druskieniki, Lituania, 1891-Capri 1973). Trasferitosi a Parigi nel 1909, si accostò al cubismo e sperimentò la traduzione della realtà in semplificazioni di piani e volumi appunto secondo la costruzione geometrica della pittura cubista (Marinaio con la chitarra, 1914, Parigi, Musée National d'Art Moderne; Donna accovacciata con chitarra, 1928, New York, collezione privata). Dal 1925 in poi Lipchitz passò a realizzazioni (danzatrici, bagnanti, arlecchini) dove le modulazioni della linea determinano movimenti e giochi chiaroscurali di pieni e vuoti da cui nasce quell'effetto di “trasparenza” che doveva caratterizzare tutta la scultura futura dell'artista (Prometeo, 1937-1944, Rio de Janeiro, Ministero di Pubblica Istruzione). Nel 1941 Lipchitz si trasferì negli Stati Uniti, dove ripiegò su una scultura di piccole dimensioni, impegnata sulla tematica biblica.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti