Questo sito contribuisce alla audience di

Liutardo

miniatore francese (metà sec. IX). Monaco nel monastero dell'abbazia di Corbie, tra l'860 e l'870 eseguì le bellissime miniature del salterio di Carlo il Calvo (Parigi, Bibliothèque Nationale). Con il suo nome viene inoltre denominato un gruppo di avori di età carolingia il cui stile vivacemente narrativo è esemplificato dalle legature eburnee del salterio da lui miniato. Le scene sacre, movimentate a affollate di personaggi, sono derivate dai modelli pittorici del salterio di Utrecht, e la tendenza alla libertà espressiva (in contrasto con la ieraticità del gruppo di Ada) è visibile perfino nel modo di trattare l'ornamentazione a foglie d'acanto.

Media


Non sono presenti media correlati