Questo sito contribuisce alla audience di

Loréto

Guarda l'indice

comune in provincia di Ancona (27 km), 127 m s.m., 17,69 km², 11.280 ab. (lauretani), patrono: Natività di Maria Vergine (8 settembre).

Generalità

Cittadina su un colle tra le valli dei fiumi Potenza e Musone. Si formò a partire dal sec. XIII intorno al celebre santuario, dedicato alla Vergine Maria, sulla dorsale della collina.

Storia

Il primo abitato che si creò attorno al santuario fu Villa Santa Maria. Meta di pellegrinaggi, nel 1518 venne circondato da mura, che furono rinforzate da baluardi nel sec. XVII. Nel 1586, Loreto venne elevata a città con sede vescovile da Leone X.

Arte

Davanti al santuario si apre una vasta piazza, circondata da due lati dal Palazzo Apostolico, con portico e loggia bramanteschi. All'edificio della chiesa lavorarono, a iniziare dal 1468, Marino di Marco Cedino, Giuliano da Maiano (1476), B. Pontelli (che realizzò l'abside), Giuliano da Sangallo (cupola, 1499-1500), Bramante (1509-11), Sansovino (1513-20), Antonio da Sangallo il Giovane (1531-35). La facciata è della fine del sec. XVI; il campanile (1750-54) fu realizzato da Luigi Vanvitelli. All'interno la sagrestia di San Marco conserva importanti affreschi di Melozzo da Forlì (1486); nella sagrestia di San Giovanni si trovano affreschi di Luca Signorelli (1479). Sotto la cupola è collocata la “Santa Casa”, con rivestimento architettonico del sec. XVI e sculture di Sansovino, Raffaello da Montelupo, Baccio Bandinelli, Niccolò Tribolo, Francesco da Sangallo. Nel Palazzo Apostolico si conservano alcuni dipinti di Lorenzo Lotto, preziose collezioni di arazzi e di maioliche e una raccolta di arte contemporanea.

Economia

L'economia si è sviluppata prevalentemente in funzione del santuario; il turismo religioso (nella città affluiscono decine di migliaia di pellegrini ogni anno) è sostenuto da una forte ricettività alberghiera. Sono inoltre attive aziende di articoli religiosi, laterizi e strumenti musicali.

Curiosità

La notizia secondo cui il santuario di Loreto custodisce la casa della Sacra Famiglia, trasportata dagli angeli prima a Tersatto (Dalmazia), poi nei pressi di Recanati (1294) in un sito circondato da lauri (da qui il nome Loreto), risale al sec. XV. Il primo documento pontificio che definisca la casa di Loreto come quella della Sacra Famiglia, ut pie creditum et fama est, è di Giulio II (1507). La leggenda non trova alcun suffragio in dati storici. La notte tra il 9 e il 10 dicembre viene rievocata la Traslazione della Santa Casa.La città ospita il Festival corale internazionale “Orlando di Lasso”.