Questo sito contribuisce alla audience di

Lusìadi, I-

(Os Lusíadas) Poema epico in 10 canti in ottave del portoghese Luís Vaz de Camões, pubblicato a Lisbona da António Gonçalves nel 1572. È l'opera più importante della letteratura lusitana e una delle più alte della poesia europea. Ispirazione fondamentale di Camões è l'idea di fornire un libro istituzionale alla nazione eletta, portatrice del verbo cristiano: per lui le scoperte portoghesi nelle Indie e nelle Americhe sono altrettante crociate, la monarchia di Lisbona s'identifica con la volontà del Signore. Ma, a sua volta, questo impulso nazional-imperialistico diventa un simbolo più largo: portare la fede significa portare la verità, affrontare i pericoli significa realizzare un destino concretamente degno dell'uomo. Il tema generale del poema è l'intera storia dei figli di Luso (mitico seguace di Dioniso) ma il punto focale da cui essa viene osservata è il viaggio di Vasco da Gama, navigatore come Ulisse ed Enea. A questo viaggio reale Camões sovrappone un motivo drammatico immaginario, il conflitto fra Venere e Bacco, protettrice la prima dei Portoghesi, nemico il secondo. Gli dei prendono parte alla vicenda come nell'Iliade, quasi incarnazioni di forze occulte e universali. Nel finale del poema questa trama mitologica è vinta dalla realtà: Vasco da Gama soppianta il dio Nettuno e il gigante Adamastor nell'amore di Teti. L'ideologia di Camões è militaresca e aristocratica, ma l'idea della patria come unità linguistica e culturale è già tutta moderna, così come la vittoria dell'uomo sugli dei è un tipico gesto di orgoglio e liberazione, sulla linea che dal Rinascimento conduce all'illuminismo. Il poema raggiunge un vertice lirico insuperabile nell'episodio di Inés de Castro, dove l'amore si presenta come il culmine dei valori umani.

Media


Non sono presenti media correlati