Questo sito contribuisce alla audience di

Lusaka

capoluogo della provincia omonima e capitale della Zambia, 1280 m s.m., 1.328.000 ab. (2007), l'agglomerato urbano 1.394.000 ab. (stima 2003).

Lusaka, situata nella parte meridionale dell'altipiano al centro del Paese, prende il nome da Lusaaka uno dei capi locali di quando la città era solo un villaggio, localizzato sulla collina denominata Manda. § Il passaggio da piccolo paese agricolo a città è avvenuto solo negli anni Sessanta del Novecento e la città si è sviluppata intorno all'asse centrale costituita da Cairo Road. Le zone residenziali, a carattere estensivo, si distribuiscono tutt'intorno sull'altopiano, mentre nel centro della capitale abitano i ceti meno abbienti. Lusaka ospita musei (Zintu Community Museum), alcuni dei migliori centri nazionali per l'istruzione superiore (Scuola Internazionale di Lusaka, Scuola Rhodes Park, Scuola Francese Internazionale, Scuola Internazionale Italiana, Baobab College) ed è sede universitaria (Università di Lusaka, 1966). Di interesse è anche il Munda Wanga Environmental Park, allo stesso tempo parco, area protetta, giardino botanico, villaggio ricreativo e centro per l'educazione ambientale. § La comparsa della ferrovia, lungo la quale si è sviluppata la città, data dall'inizio del sec. XX. Nei primi anni del sec. XX coloni europei, prevalentemente inglesi, iniziarono a costruire nuovi edifici nei pressi del villaggio. Nel 1935 in ragione della sua posizione centrale all'incrocio tra la Grande strada del N e la Grande strada dell'E e della sua ubicazione ferroviaria, sostituì Livingstone nel ruolo di capitale della Rhodesia Settentrionale. Nel 1953, a federazione della Rhodesia Settentrionale e Meridionale avvenuta, nella popolazione di Lusaka si sviluppò una forte coscienza indipendentista che fu determinante nella nascita dello Stato sovrano dello Zambia (1964), di cui Lusaka divenne capitale. Da allora la popolazione cominciò a crescere e con essa la città: dai 2000 ab. degli anni Trenta del sec. XX, si passò a 116.000 ab. degli anni Cinquanta, poi triplicati nel decennio successivo, e alla fine degli anni Ottanta (982.362 ab.). Questa crescita esponenziale in un breve lasso di tempo ha condotto a pesanti squilibri. § Snodo commerciale, grazie alle importanti vie di comunicazione stradali e ferroviarie (Livingstone-Maramba-Ndola), la città è sede di industrie alimentari, tessili, del cemento, chimiche, meccaniche, del tabacco e della carta. Alle attività industriali si sono affiancate anche quelle legate alle funzioni amministrative. È servita dall'aeroporto internazionale di Lusaka.

Media


Non sono presenti media correlati