Questo sito contribuisce alla audience di

Luynes, Charles de-

nobile francese (Pont-Saint-Esprit 1578-Longueville 1621). Fu per lungo tempo favorito del re Luigi XIII e lo aiutò a liberarsi dalla tutela della regina madre e di Concini, dopo l'assassinio del quale ereditò tutti gli incarichi (1617). Accettò il Trattato di Angoulême (1619) con i nobili che si erano schierati con Maria de' Medici e, dopo aver definitivamente dominato la rivolta della regina madre a Ponts-de-Cé, venne a un accordo con lei, stipulando il Trattato di Angers (1620). Intransigente nei confronti dei protestanti francesi, ristabilì con la forza il cattolicesimo nel Béarn (1620) dove dovette poi affrontare la ribellione dei protestanti. Nominato connestabile (1621), dopo qualche successo fu sconfitto davanti a Montalbano; morì poco dopo, quando stava per cadere in disgrazia per l'inettitudine dimostrata in quell'occasione. I suoi discendenti si segnalarono come capitani e come eruditi.